Milo Serena

Ottica e Optometria

Dott.ssa Serena Milo

VALUTAZIONE VISIVA OPTOMETRICA (DURATA : 1 H )

L’optometrista valuta la necessità di correzione del difetto visivo riscontrato. La corretta prescrizione permette di aumentare l’acuità visiva, che è la capacità di discriminare i dettagli di un oggetto. Spesso però i famosi 10/10 non sono sufficienti per una visione efficace e confortevole.

Per questo l’optometrista indaga come funziona il sistema visivo, ovvero valuta le abilità necessarie per ottenere una visione efficiente durante le attività quotidiane:

  • Capacità di convergenza (allineamento degli occhi)
  • Accomodazione (messa a fuoco)
  • Motilità oculare
  • Binocularità (come lavorano i due occhi assieme )

Una particolare attenzione va ricondotta alle abilità coinvolte durante le attività di  lettura e scrittura .

TRAINING VISIVO (DURATA: 45 minuti)

La vista è l’organo di senso più importante poiché riceve circa l’80% delle informazioni provenienti dall’ambiente esterno.

Il training visivo optometrico consiste nell’esecuzione di esercizi visivi tramite istruzioni precise, avvalendosi di materiali e strumenti oftalmici di supporto. Lo scopo è migliorare e/o incrementare le abilità visive del soggetto, nel momento in cui gli occhiali non siano in grado da soli di risolvere la problematica visiva.

Infatti VISTA e VISIONE sono due concetti differenti. Per vista si intende la capacità di vedere dettagli molto fini (i famosi 10/10) mentre per visione si intende l’abilità di capire e interpretare ciò che vediamo. La visione influenza quindi il nostro modo di percepire, di giudicare, di valutare.

Segni che indicano spesso disturbi visivi che necessitano di rieducazione visiva per essere risolti sono:

  • Nausea frequente
  • Sensazione che la stanza si muova
  • Tendenza a sbattere con frequenza contro le cose
  • Mal di testa frequenti
  • Difficoltà a mantenere la concentrazione quando si legge
  • Lacrimazione e occhi spesso rossi e che bruciano
  • Stanchezza agli occhi frequente
  • Visione sfuocata soprattutto dopo aver svolto un’attività a distanza prossimale come computer o lettura
  • Difficoltà, soprattutto in età scolare, di tenere il segno durante la lettura senza bisogno del dito
  • Vedere la paroline doppie o muoversi durante la lettura
  • Postura scorretta
  • Visione sfuocata solo in certi momenti della giornata
  • Scarsa percezione della profondità

SPORT VISION TRAINING (durata: 45 minuti )

Sport vision training è “l’anello mancante della performance di un atleta”. E’ una particolare applicazione di training visivo nato per ottimizzare la performance dell’atleta professionista e non solo. Più precisa e veloce, infatti, è l’elaborazione delle informazioni visive, più rapida e accurata è la progettazione del gesto atletico. L’atleta si sente al posto giusto nel momento giusto grazie a questo allenamento visivo che si integra perfettamente con l’allenamento fisico. Disciplina applicata da professionisti come Valentino Rossi, Gigi Buffon, Cristiano Ronaldo e squadre come il Milan e la Nazionale di Volley.

Sport vision training porta a questi vantaggi:

  • Miglior consapevolezza della visione periferica
  • minor tempo di reazione
  • maggior equilibrio
  • maggior coordinazione occhio-mano
  • maggior coordinazione occhio-piede
  • controllo dei movimenti oculari per seguire con più precisione la traiettoria della palla e lo spostamento degli avversari
  • integrazione visuo-uditiva
  • attenzione sostenuta

Inoltre, studi confermano che sport vision training aiuta a prevenire infortuni, o nuovi infortuni nel caso fossero già avvenuti.

VALUTAZIONE DELLE ABILITA’ VISUO- PERCETTIVE (durata: 2 h )

La percezione  è un processo attivo in cui gli input sensoriali vengono analizzati e interpretati. Vi sono diversi canali sensoriali attraverso cui vengono acquisite le informazioni: il canale visivo, tattile, uditivo ecc..

Nelle funzioni visuo-percettive la vista costituisce il mezzo di raccolta delle informazioni, mentre altri aspetti, come l’attenzione, contribuiscono al processo. La capacità visuo-percettiva è quindi un processo di elaborazione degli stimoli sensoriali che prevede l’analisi, la selezione e l’elaborazione delle informazioni visive. Infatti alla formazione dell’immagine retinica segue un’analisi delle informazioni percettive come la FORMA e il COLORE, fino a giungere ai processi cognitivi di ordine superiore di attribuzione di un significato all’immagine percepita .

Le abilità visuo-spaziali sono un gruppo di processi che consentono la corretta interazione dell’individuo con il mondo circostante:consistono nelle capacità di percepire, agire e operare sulle rappresentazioni mentali in funzione di coordinate spaziali. Le rappresentazioni spaziali sono il presupposto dell’azione e il movimento.

Le difficoltà nell’elaborazione delle informazioni visive e spaziali incidono pesantemente sull’apprendimento scolastico. A livello di abilità generali, la scrittura appare irregolare nelle dimensioni e nella forma, si rilevano lacune nella comprensione della lettura e prestazioni inadeguate soprattutto in aritmetica, italiano e attività motoria.

Si possono valutare queste abilità e intervenire con la collaborazione di altre figure professionali come la psicologa, la logopedista e la psicomotricista.

La valutazione visuo-percettiva è utile per individuare le problematiche nell’acquisizione e/o elaborazione dell’informazione visiva.

CHI E’ L’OPTOMETRISTA?

L’optometria, dal greco opsis ( vista) e metron (misura), ovvero “misurazione della vista”, si occupa della determinazione del difetto visivo e correzione tramite mezzi oftalmici quali occhiali e lenti a contatto, della valutazione dell’efficienza del sistema visivo e del miglioramento delle abilità visive.